GRASSO, GIUSTOLISI CRONISTA APPASSIONATO, PUNGOLO PER ISTITUZIONI

Roma, 8 giu. (AdnKronos) – “Franco Giustolisi è stato un cronista appassionato, un pungolo per tutte le istituzioni. Nei tanti anni di professione Franco ha affrontato tutte le pagine più drammatiche del nostro Paese: dal banditismo sardo ai sequestri di persona in Calabria, lo scandalo del Banco Ambrosiano e la morte di Calvi, il caso Mattei, le inchieste su mafia e terrorismo, sulla P2 con l’intervista esclusiva a Licio Gelli sono delle pagine indimenticabili della nostra storia e del giornalismo”.
Lo ha detto il presidente del Senato Pietro Grasso alla presentazione a palazzo Madama della seconda edizione del “Premio Giustolisi”, che quest’anno si terrà a Marzabotto.

La seconda carica dello Stato ha ripercorso le principali inchieste del grande giornalista investigativo dell”Espresso’ scomparso nel 2014, comprese quelle sulla situazione delle carceri o la vicenda passata alla storia come “L’armadio della vergogna”, quello che conteneva i fascicoli sui crimini di guerra commessi in Italia durante l’occupazione nazi-fascista.
“Non è un caso -ha affermato Grasso- che la prima edizione del Premio si sia tenuta a Sant’Anna di Stazzema e che la seconda si terrà a Marzabotto. E’ stata una felice intuizione quella di non legare il premio ad un luogo specifico ma di volta in volta di coinvolgere tutti i luoghi dove ci sono stati gli eccidi nazi-fascisti”.

Grasso ha ricordato come tutte i famigliari delle vittime di quelle stragi abbiano riconosciuto con ammirazione “la forza e l’impegno con cui Giustolisi ha denunciato le responsabilità ma soprattutto i silenzi delle istituzioni”.
“E la bella notizia che oggi registriamo -ha proseguito- è quella dell’Associazione Archivio Franco Giustolisi onlus che è il modo migliore per onorare la memoria e mantenere vivo il ricordo dell’insegnamento di Franco, uno dei più grandi rappresentanti del giornalismo d’inchiesta che ha sempre concepito la propria professione come una vera missione”.

Grasso ha concluso auspicando che i giovani cronisti “raccolgano i semi lasciati da Franco Giustolisi: coraggio, passione, determinazione, lo scrupolo della verifica e il non piegarsi anche quando si sa di correre un rischio o di pagare un prezzo”.

 

13413795_1796120390618470_3073340667700693784_n